AGNESE di Maria Grazia Russo

 

Sono una donna, e il mondo vuole farmi credere che questo non sia abbastanza.
Siamo a Pisa nel 1968, Agnese Antinori appartiene a una facoltosa famiglia dell’alta borghesia. Figlia di un noto Avvocato, Agnese viene cresciuta secondo un rigido modello educativo e nella totale indifferenza dei propri genitori. Una infanzia priva di affetto che negli anni si trasforma in risentimento sia verso la sua famiglia, sia verso l'ambiente in cui è cresciuta, in cui le apparenze contano più di ogni altra cosa. Per ribellione decide di prendere parte a un atto dimostrativo organizzato dal movimento studentesco pisano. Ma qualcosa va storto e Agnese è costretta alla fuga.
Da qui inizia la sua storia fatta di nuovi incontri, affetti ritrovati e rinunce.

Non sapevo cosa avrebbe significato per me il ‘68,
ho lasciato che l’alta marea mi portasse nelle piazze.
Per caso mi sono trovata in mezzo alla battaglia e questa è diventata la mia storia.

E' un'epoca in cui la contestazione giovanile infiamma il dibattito politico, le piazze si riempiono di manifestanti, i figli della borghesia si rivoltano contro i loro padri e scendono in strada al fianco degli operai. Luci e ombre di un periodo storico che ha permesso di ottenere grandi risultati, ma che è anche sfociato in derive violente che hanno causato centinaia di morti e feriti.

- CITAZIONI -
Ero dovuta andare fin quasi dall’altra parte del mondo, per scoprire che nessuna distanza poteva frapporsi tra me e i problemi che mi portavo dentro.

Alcuni soldati aprirono il fuoco su vecchi, donne e bambini. Qualcuno mi spinse in un fosso ai bordi della strada, avevo le mani sulla testa come se questo potesse proteggermi dai proiettili di una mitragliatrice. Ero paralizzata dal terrore. In quel momento rividi il mio vecchio lupo di mare, e le sue parole mi rimbombarono nelle orecchie: cerca sempre la verità. E la verità era che l’umanità fa schifo.

Io, che oggi ho il cuore a pezzi, sto guardando negli occhi l’unica persona che ha la capacità di mettere insieme tutti i frammenti.

Ecco l'attesissimo secondo volume della trilogia delle Ballerine del Carillon. Il nome della trilogia è una metafora che ricorda come le ballerine del carillon siano costrette a danzare tutte nello stesso modo, così come le donne costrette a un copione sempre uguale voluto dalle convenzioni sociali e dagli stereotipi di genere. 
L'autrice ha la capacità di parlare al cuore dei lettori, rende i personaggi dei veri e propri compagni di viaggio e al termine del romanzo ci sembra di conoscerli personalmente. Un romanzo di formazione in cui non mancano episodi ironici che sono gestiti ad arte e rendono la lettura un'altalena di emozioni. Si ride, ci si commuove, si aspetta il capitolo successivo per capire cosa succederà alla protagonista.

AGNESE. LE BALLERINE DEL CARILLON di Maria Grazia Russo

€ 12,90Prezzo
  • MARIA GRAZIA RUSSO nasce a Milano nel 1974. Trascorre gran parte della sua vita a Limbiate, nella periferia milanese. Dopo la Laurea in Economia e Commercio inizia a lavorare in grandi aziende fino a ricoprire ruoli di responsabilità in diversi ambiti del marketing. Diventa moglie e madre di due figli continuando il suo percorso professionale, ma nel tempo si unisce la grande passione per la scrittura. La trilogia delle Ballerine del carillon è il suo esordio come scrittirice. Laura aprile 2021 con Blitos Edizioni - Agnese ottobre 2021 con Blitos Edizioni - Matilde dicembre 2022 con Blitos Edizioni

    Puoi seguire Maria Grazia Russo sui social

    Facebook: /mariagraziarussoscrittrice

    Instagram: @mariagrazia_russo_scrittrice